Cosa vedere a Cusco

Cosa vedere a Cusco: 8 posti imperdibili

Cusco è la città perfetta dove partire per una serie di escursioni, sia alla volta del Machu Picchu e la Valle Sacra, sia in direzione di montagne altissime e colorate. A me è piaciuta talmente tanto che sono rimasta inchiodata un mese a Cusco. È la tipica città, non troppo grande, con tutti i servizi che cerca un expat: il co-working, lo studio di yoga, appartamenti e ostelli carini, caffetterie e ristoranti. Insomma, una trappola per turisti, ben fatta.

Caratteristiche di Cusco

Cusco, questa cittadina, dove si respira quel sapore un po’ mistico, dove ogni pianta ha la sua funzione, si beve il tè con la “muña”, per digerire e con la coca per il mal di altura. Si aggiunge il “maca” ad ogni bevanda per avere più energia e meno stress. Ci sono oli e profumi che si usano per le cerimonie. Come l’Agua de Florida, che si usa per purificare gli ambienti. Ogni pietra ha la sua storia e la città in sé è davvero molto carina e merita almeno tre notti. Soprattutto se arrivi da una città a meno di 3 mila metri sul livello del mare.

Raul Valera, Plaza de Armas

Cusco e l’altitudine

Ti devi, infatti, abituare all’altitudine. Tutti ti diranno più o meno le stesse cose: “Bevi tanta acqua”, “Non fare nessuna escursione per i primi tre giorni”, “Non bere alcolici”, “Mangia leggero”. Uno dei sintomi del mal di altura, infatti, è la digestione. Io mi sento di dirti: ascoltali questi consigli, dal primo all’ultimo. Io non ho mai visto un luogo con le bombole di ossigeno nelle reception degli hotel. Ecco Cusco è anche questo, oltre che rovine Inca e misticismo.

Consulenza per viaggiare da soli

Obiettivo della consulenza è aiutarti a partire da soli. Quello che ti offro è una video-chiamata di 30 minuti, per analizzare la tua situazione e per raccontarmi il tuo progetto e trovare insieme alcune soluzioni pratiche per iniziare il tuo viaggio in solitaria. Che si tratti di una vacanza di qualche giorno o di un viaggio lungo.

Prenota ora!

Io a Cusco ci ho vissuto oltre un mese e per me ha rappresentato il luogo ideale dove fermarmi qualche settimana. I motivi che di solito mi spingono a fermarmi in un posto più a lungo del solito sono fondamentalmente i servizi. Se c’è un bell’ostello, tanti expat o comunque viaggiatori lenti, che puoi frequentare perché sono più stanziali di altri, uno studio di yoga, possibilmente di design, un co-working, si mangia bene e nei dintorni si possono fare tante gite fuori porta in giornata oppure nel weekend, ho descritto la cittadina ideale.

E Cusco ha tutte queste caratteristiche, che la rendono una città comoda dove vivere per qualche tempo. Considera anche che la gente è super gentile e disponibile. E nonostante si tratti di un luogo estremamente turistico, d’altronde è la città più carina vicino al Machu Picchu, non si senti mai oppresso/a. Inutile negare che proveranno a venderti di tutto.

Alejandro Pohlenz, montagna Vinicunca

1) Il centro storico

Free walking tour

Consiglio assolutamente di fare il Free Walking Tour della città. A dire la verità, lo consiglio per ogni città. Si tratta di un tour a piedi della città, con una guida esperta. Spesso a tenere il tour sono insegnanti e appassionati di storia. Di fatto il giro, che dura un paio d’ore, non è gratuito, ma su donazione. Quindi a fine tour, puoi donare la cifra che ritieni adatta all’esperienza. Ci sono diversi tour al giorno, in inglese e in spagnolo. Ovviamente se parli spagnolo è meglio per vivere a pieno la cultura latino americana.

2) I mercati

Il Perù è uno dei luoghi dove si mangia meglio al mondo. Dopo l’Italia e il Giappone. E spesso ci sono anche influenze di questi ultimi due. Mentre ti stai abituando all’altitudine, il mio consiglio è quello di esplorare Innanzitutto consiglio di prendere il mercato come punto di riferimento quotidiano. È aperto tutti i giorni dalle 7 di mattina alle 18, anche se molti stand chiudono alle 16. Al Mercado di San Pedro puoi fare la spesa, bere un succo di frutta appena frullata, mangiare un piatto tipico, comprare una maglia di alpaca, bruciare il Palo Santo e pare che a saperle cercare, tu possa anche acquistare piante sacre e medicinali. Ovviamente, ne devi sapere fare buon uso.

Megan Thomas, il mercato di Cusco

A Cusco c’è un altro mercato, un po’ più chic e quindi meno impressionante. Lo scrivo perché in certi paesi i mercati sono i posti che ti invogliano meno a comprare del cibo. E il Perù non è da meno. L’altro mercato si trova nel quartiere hipster che piace tanto agli expat, dove ci sono tutti i negozietti e i ristorantini giusti e si chiama San Blas, e di conseguenza così si chiama anche il mercato. Si sviluppa principalmente lungo la via Carmen alto o bajo a seconda di dove ti trovi.

In questa via potrai mangiare sushi, provare la cucina vegetariana, andare in ristoranti di cucina tradizionale e locali alla moda, provando la peruviana contemporanea.

3) Carmen Alto y Bajo

Sempre nella stessa via, Carmen Alto o Bajo, potrai fare shopping e acquistare prodotti tipici, come coperte e maglioni da portare a casa, fatti di Alpaca. Il bello di questa zona è che non troverai negozi troppo commerciali né grandi catene, ma piccole attività, con prodotti spesso unici. Quindi ottima meta per comprare i tuoi regali.

Willian Justen de Vasconcellos, shopping a Cusco

In Perù, inoltre, vanno tantissimo i profumi, gli olii essenziali, i saponi, le creme per il corpo. Tutto quello che in qualche modo è botanico e collegato alle piante e alla natura. Questo perché i peruviani hanno sicuramente un legame più profondo con la natura e per loro tutto è sacro e tutto ha un significato. Io ho comprato un sacco di regalini e cose utili per me al Mercato San Pedro, anche perché nella mia permanenza a Cusco, ci andavo tutti i giorni, per bere il mitico succo spremuto sul momento con la frutta tropicale. Oltre ad una serie di regali e ricordi tipici di Cusco, puoi acquistare caffè, cioccolata, maca (un energizzante tipico del Perù), foglie di coca, palo santo, tè di tutti i tipi, liquori, sale di Maras, direttamente dalle Saline, frutta secca, fresca ed essiccata. La qualità dei prodotti è altissima ed è veramente economico.

Cusco, la città mistica

E pensare che sono stata un mese a Cusco. Inchiodata. Praticamente con questa cosa che viaggio e lavoro, il modo più comodo per fare la digital nomad è piantarsi in un posto, per un tempo piuttosto lungo, da potersi ambientare. E Cusco mi è sembrato il luogo ideale. È stato amore a prima vista. È una cittadina con il centro storico, chiese, vie pedonali, tutto un salgo e scendo.

Iscriviti al mio Substack

4) Machu Picchu

A parte fare un giro turistico della città e andare a visitare il Machu Picchu, che si trova ben lontano da Cusco, infatti molti scelgono di dormire ad Aguas Calientes che è forse una delle città più turistiche al mondo e anche piuttosto brutta, se non fosse per il fiume che scorre proprio nel bel mezzo. Il fatto è che ad Aguas Calientes tutti cercano di venderti qualcosa e quindi tu non fai altro che camminare per strada e dire “No, gracias”. In ogni caso, ti consiglio di dormire almeno una notte ad Aguas Calientes per visitare il Machu Picchu.

Eddie Kiszka, Machu Picchu

Cusco è la base per una serie di escursioni e se vuoi rivolgerti ad un’agenzia di viaggi, ti consiglio Escapate Slow Tours un’agenzia che organizza tour più autentici e fuori dalle classiche rotte. Io ho organizzato le mie gite fuori porta da sola, ma devo dire che in questa agenzia, sono tutti molto gentili e disposti ad organizzarti tour su misura se quelli proposti non ti sono congeniali.

Assicurazione di viaggio

Assicurazione di viaggio

Quando parti, ti consiglio di essere sempre coperto/a da un’assicurazione di viaggio. Io ti consiglio Heymondo, che ha un’app molto intituiva e un servizio di assistenza H24 per 365 giorni l’anno. È valida per spese mediche, annullamento di viaggio, perdita o furto bagagli, attrezzatura elettronica e sportiva. E se ti iscrivi da questo link hai il 10% di sconto!

Richiedi un preventivo!

5) Valle Sagrado

Potresti visitare la Valle Sagrado, la valle sacra dove ci sono un sacco di rovine Inca. Prima di conoscerla pensavo che esistesse solo il Machu Picchu. Puoi fare questa escursione in giornata oppure fermare a dormire in uno dei paesini come Ollantaytambo, dove tra l’altro passa in treno per il Machu Picchu, oppure Pisac. Puoi visitare quindi le Saline di Maras e andare a vedere i terrazzamenti di Moray. Se hai tempo, ti consiglio di dormirci anche un paio di notti, perché ci sono un sacco di cose da vedere.

Andy Salazar, Palcoyo

6) Vinicunca e Palcoyo

Altra tappa interessante che puoi organizzare in autonomia, oppure con un tour organizzato, è quella che comprende le montagne colorate Vinicunca e Palcoyo. Se non hai tempo dovrai scegliere un tour che ti porta in giornata a visitare le famose montagne a 5 mila metri d’altezza ed è una sfacchinata. Considera anche che ci sarà un sacco di gente, perché i tour fanno esattamente gli stessi orari. Quindi il mio consiglio, se vuoi prenotare il tour di Palcoyo, è quello di affidarsi all’agenzia Escapate.

Se vuoi prenotare il tour a Vinicunca, invece, puoi utilizzare Viator, una piattaforma molto affidabile quando si tratta di escursioni. Offre oltre 300.000 attività in tutto il mondo, la cancellazione gratuita e una guida locale. Ti lascio qui sotto le opzioni.

Se stai facendo un viaggio lento, puoi dormire un paio di notti a Checacupe e da lì visitare le due montagne con un trasporto privato, ovvero un taxi. Io ho scelto quest’ultima opzione e mi sono goduta i paesaggi in autonomia e solitudine.

7) Laguna Humantay

La laguna Humantay è un luogo magico ed è anche il punto di inizio del Salkantay Trek, un faticosissimo cammino, che sfiora i 5000 metri di altitudine e che in cinque giorni ti porta direttamente al Machu Picchu. Arrivare fino al lago Humantay, può essere considerata anche una gita fuori porta da fare in giornata, con partenza la mattina presto da Cusco. Considera che tutti i minivan partono e arrivano allo stesso orario, di solito arrivi sul posto alle 11 di mattina, ti fermi a pranzo e riparti alle 14.

Willian Justen de Vasconcelloshttps, Laguna Humantay

8) Praticare Yoga a Cusco

Paragrafo a parte dedicato allo yoga. Se trovo uno studio carino in giro per il mondo, lo segno qui. A Cusco c’è uno studio pazzesco che si chiama Exhala Yoga e ovviamente si trova nel quartiere più hipster della città: nella Calle Carmen Bajo, ne abbiamo parlato prima. Lo studio si trova all’interno di un hotel quattro stelle che si chiama Antigua Casona San Blas ed è caratterizzato da una splendida corte interna con tanto di ristorante, con tavoli e fuochi all’aperto.

Oksana Taran, studio di yoga

Lo studio di yoga offre lezioni tutti i giorni, con stili e insegnanti diversi, puoi scegliere in due fasce orarie tra la mattina e il tardo pomeriggio. Le lezioni sono in inglese e in spagnolo e non so come ci sono riusciti, ma è pieno di expat e viaggiatori. Forse perché siamo tutti alla ricerca di quel posto bello e di design dove fare yoga. Anche in questo caso, come nel caso del coworking, lo studio si trova all’ultimo piano dell’hotel e quindi mentre fai yoga puoi ammirare le luci della città che si accendono e i tetti che si colorano di arancione, se vai di sera.

Scuole di spagnolo in Perù

Se stai viaggiando in Sud America, parlare lo spagnolo fa la differenza, nelle interazioni quotidiane e ti può portare a vivere esperienze più local. Puoi iscriverti ad una scuola di spagnolo e a Cusco esistono diverse opzioni interessanti, che ti permettono non solo di imparare la lingua, ma anche conoscere nuovi amici da tutto il mondo. Un’altra opzione è che puoi impararlo online. Io utilizzo una app che si chiama Italki e che ti permette di trovare insegnanti madrelingua da tutto il mondo e per tutte le lingue. Le lezioni sono private, one to one, i prezzi sono davvero competitivi, le lezioni di prova sono gratuite oppure costano $5. Poi se vuoi comprare un pacchetto di 10 lezioni, risparmi. Io, ad esempio, ho un insegnante di spagnolo di Buenos Aires, quindi parla con l’accento argentino e ogni lezione di un’ora mi costa $14. Ti lascio il link, se vuoi provare.

Considera che per noi italiani è molto facile imparare lo spagnolo. Quindi se vuoi farti una vacanza in Sud America, potrebbe essere utile fare qualche lezione prima di partire. Se sei proprio all’inizio, puoi anche cercare un docente che parla sia italiano che spagnolo. In Argentina ce ne sono tanti bilingue, proprio perché l’immigrazione italiana è stata molto forte.

Impara lo spagnolo

Italki è una app che ti permette di trovare insegnanti madrelingua da tutto il mondo e di un sacco di lingue. Si tratta di lezioni private, in video chiamata, puoi decidere tu giorno e orario e puoi acquistare dei pacchetti di lezioni per risparmiare. Se vuoi imparare lo spagnolo, usa il mio codice. Sia tu che io riceveremo uno sconto sulle lezioni: AAaD0EG

Iscriviti al mio Substack

Foto credits: Unsplash

  • Girl from Cusco with alpaca, Peru – Alexander Schimmeck
  • Smile for the tourist, Peru – Alexander Schimmeck
  • Mas amor 1983 (steal my _ _ art)

Se ti piacciono i miei articoli di viaggio, puoi offrirmi un aperitivo, così darai valore al mio lavoro di scrittura e io sarò super felice!